slide1slide2slide3

Storia

La storia del Bellevue Syrene, lussuoso hotel di charme a Sorrento, risale a tempi antichi. I resti romani e le bellissime grotte datanti il II secolo A.C. sono testimoni dell’amore degli imperatori per questo posto incastonato tra verde e mare.

L’attuale struttura dell’hotel 5 stelle di Sorrento sorge, infatti, sulle fondamenta di una più vasta villa romana dove l’imperatore Augusto esiliò per motivi politici.

Furono i conti Mastrobuono che iniziarono la costruzione dell’attuale villa nel 1750 per i loro soggiorni estivi, ma solo nel 1820 fu creato un accogliente albergo di circa 30 camere, ampie e confortevoli, in un’oasi di pace e di meraviglie naturali.

Ospiti illustri si fermarono a rilassarsi in questo hotel di Sorrento, situato in un angolo tra terra e mare. Luigi II di Baviera amava tornarvi spesso. Eugenia, l’imperatrice di Francia, vi si fermò per più di tre mesi nel 1868. A lei fu dedicato uno degli affreschi più belli della villa, che si possono ammirare ancora oggi in una delle attuali Suites. Molti altri scrittori e personaggi politici hanno soggiornato qui: amò questo luogo il primo ministro spagnolo Emilio Castelar, la scrittrice Mrs. Harriet Beecher Stowe e Ivan Turgenev. Il poeta francese De Lamartine, autore di “Graziella”, vi soggiornò nel 1820 e all’inizio del 1900, Re Paolo Di Grecia, Vittorio Emanuele III ed il Duca Amedeo d’Aosta con la Duchessa sua moglie onorava spessissimo questa dimora. Vi trovò ispirazione anche il poeta russo Jorge; Marguerite Yourcenar nel 1938 nel suo soggiorno vi scrisse “Il colpo di grazia”.

William Waldorf Astor, rapito da tanta bellezza, e per far rivivere un pò la grandezza di Roma, fece costruire tra il 1905 e il 1907, la villa Pompeiana, quasi una copia della casa dei Vetti di Pompei. Tra profusione di reperti archeologici, stucchi, affreschi e i colonnati delle terrazze fiorite, Lord Astor estasiato dall’ameno sito, ascoltava il canto delle Sirene, il melodioso infrangersi del mare sugli scogli sottostanti.