Il mito delle Sirene

autore: admin | data: 27 dicembre 2011 | Tag:

Antico villaggio greco, Sorrento deve il suo nome alla mitologia: Syrenusion o Syreon infatti significa “Terra delle Sirene“. E’ Omero, nell’Odissea, a narrare dell’ammaliante, ma mortale, canto delle sirene a cui Ulisse riuscì a sottrarsi proprio mentre attraversava il Golfo di Sorrento.
Il mito delle sirene è quindi tradizione antica nella mitologia locale sorrentina: queste incantevoli creature, capaci di ammaliare con il loro canto chiunque si trovasse a breve distanza, pare avessero scelto come dimora il suggestivo litorale sorrentino.

Queste figure leggendarie compaiono negli scritti di Eraclito di Efeso, Eratostene di Cirene, Igino, Apollodoro, Lattanzio Placido, Strabone, Virgilio e Marco Tullio Cicerone che considerò le sirene simbolo di eloquenza e sapienza.
Il mito delle sirene si è evoluto nel corso dei secoli: le variazioni della leggenda hanno coivolto sia il numero che il luogo esatto di dimora di queste affascinanti figure.
Secondo il mito le sirene avrebbero dimorato nei pressi degli isolotti dei Galli, nel tratto di costa che va da Sorrento a Positano, ma numerose sono le supposizioni circa altri luoghi della Costiera Sorrentina.
Personificazione dei pericoli del mare, le sirene vengono descritte in alcune testimonianze come esseri dal corpo di uccelli rapaci e volto femminile, in altre come spendide creature femminili fino al busto e con una sinuosa coda di pesce.

Tra le più famose sirene della letteratura mitologica vi sono Partenope, Leucosia e Ligia.


0 commento disponibile


Lascia un Commento