La Cattedrale di Sorrento

autore: admin | data: 26 dicembre 2011 | Tag:

La Cattedrale di Sorrento è la chiesa dedicata ai Santi Filippo e Giacomo. La sua edificazione risale probabilmente al periodo dell’occupazione longobarda anche se poco rimane, a causa di vicende storiche legate ai saraceni, della sua architettura originaria.

La Cattedrale custodisce preziose opere d’arte e interessanti reperti, come ad esempio molti bassorilievi di epoca trecentesca attribuiti ad Andrea Pisano.
La Chiesa, con pianta a tre navate separate da quattordici pilastri, presenta un soffitto dipinto su tela a motivi floreali, realizzato tra il primo e il secondo decennio del Settecento da Francesco Francareccio.

Tra le opere degne di nota, la paletta intitolata “La Vergine tra San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista” di Silvestro Buono, che si trova sotto il pulpito in marmo della fine del cinquecento. Nel transetto collocato alla destra dei visitatori che entrano è custodita una tavola su fondo d’oro, di scuola senese e risalente al 1400, in cui viene rappresentata la nascita di Gesù. Tra le atre importanti opere pittoriche i dipinti di Oronzo Malinconico.

La Cattedrale presenta un ingresso completamente ricostruito agli inizi del ’900, con due grosse colonne di marmo che, alla base, riportano lo stemma dell’arcivescovo Brancaccio.
Nella Cappella del Santissimo Sacramento è conservato un Crocefisso ligneo del XV secolo, posto su un altare in marmi policromi con pitti laterali.
Un organo settecentesco di Nicola Mancino si trova nella settima cappella a destra, mentre nella prima cappella a destra, dove è ubicata la fonte battesimale, è possibile ammirare la raffigurazione del Sacrificio del Sangue di Cristo, datata 1522, con ai lati docici formelle del Trecento con gli Apostoli.
Dutrante il periodo natalizio nella Cattedrale è possibile contemplare un incantevole presepe di scuola napoletana con pastori originali del Settecento.


0 commento disponibile


Lascia un Commento