Le Chiese nei dintorni di Sorrento

autore: admin | data: 22 dicembre 2011 | Tag:

Numerosi sono gli edifici religiosi da visitare nei dintorni di Sorrento. Ricche di storia e tradizioni, di elementi storico artistici di grande pregio, le Chiese dell’inteland sorrentino regalano ai visitatori un viaggio attraverso la storia, l’arte e la cultura di questo incantevole angolo d’Italia.

Chiesa di S. Attanasio vescovo – Priora
A Priora, frazione sui colli sorrentini, è possibile ammirare la Chiesa di S. Attanasio, eretta in onore del santo vescovo probabilmente nel V secolo. L’edificio religioso si presenta con una pianta a due navate, la cui maggiore è coperta da un cassettone a tela mentre l’altra presenta una volta a botte e termina in un quadrilatero cupolato che cusodisce un altare alle cui spalle è affissa una tela del ’700 raffigurante la Vergine Maria. Sotto la navata più grande ci sono due altari e una lapide commissionata nel primo ’800 a seguito dei lavori di restauro eseguiti. L’altare maggiore è intitolato alla Madonna delle Grazie ed è ornato di una tela del 1776 realizzata dal grande pittore De Piscopo e da una statua a zezzo busto di S. Attanasio vescovo.
La Chiesa custodisce anche le sepolture dei sacerdoti presso l’altare maggiore e dei bambini nei pressi dell’ingresso.

Chiesa La Purità – Capo di Sorrento
La struttura religiosa la Purità dedicata alla Vergine si trova in località Li Simoni nella collina del Capo di Sorrento.
Nel 1888, grazie alla Santa visita di Mons. Giustiniani, la cappella, che versava in condiizoni di degrado e abbandono, fu restaurata. Presenta una pianta a nave unica con volta a botte custodisce al suo inteno un solo altare in legno che versa in uno stato di notevole deterioramento e una tela che ripropone l’immagine della Vergine.

Chiesa S. Maria di Costantinopoli
La Cappella di Santa Maria di Costantinopoli, situata presso il Capo di Sorrento, fu eretta nel 1600. La struttura presenta un unico ambiante con presbiterio cupolato e pianta rettangolare. La cupola viene sostenuta dal tiburio che presenta a sua volta tre finestre rettangolari.
All’interno della Cappella c’è un unico altare che probabilmente risale alla fine del ’700, in marmo policromo, alle cui spalle presenta un dipinto del pittore Carlo Amalfi in cui è raffigurata Santa Maria di Costantinopoli con il Bambinello in braccio e intorno angeli e anime del purgatorio.
La Chiesetta inoltre offre ai suoi visitatori altre due rilevanti tele settecentesche che rappresentano San Giuseppe con Gesù e Sant’Ignazio di Loyola.


0 commento disponibile


Lascia un Commento