Tarsia Lignea Sorrentina

tarsia ligneaLa magia di un’arte antica che ancora oggi ispira le mani esperte degli artigiani sorrentini.

 
Sottilissime lamine di legno di vario colore, leggeri fogli di madreperla, disegni eleganti, virtuosismi decorativi, forme morbide, geometrie perfette. La tarsia lignea sorrentina è un’espressione artistica che ha ottenuto rilievo internazionale a partire dalla metà dell’Ottocento e che oggi suscita l’interesse di collezionisti di tutto il mondo. Elaborati disegni composti dall’accostamento di tessere anche piccolissime di legno e che realizzano incredibili policromie che vanno ad ornare scrigni, vassoi, quadri, tavoli, scrittoi, bauli. A Sorrento sono presenti numerose botteghe attive in cui scovare il proprio pezzo unico.Per apprezzare al meglio la storia e l’evoluzione di quest’arte solo apparentemente minore, merita una visita il Muta, il Museo bottega della Tarsia Lignea di Sorrento, con la sua collezione antica e contemporanea e i tanti eventi legati all’universo dell’artigianato locale. A 300 metri dal Bellevue Syrene, il Muta è aperto tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 18.30 da Aprile a Ottobre e dalle 10.00 alle 17.00 da Novembre a Marzo. Il costo del biglietto è di 8 euro.

Pane, amore e… Sorrento

sofia-loren-marina-grande-920x340
Sorrento e la settima arte. Un matrimonio felice.
 
Sono tanti i motivi per cui Sorrento ha raggiunto ormai una fama planetaria: la sua storia antica legata al turismo d’élite e alle sue dimore storiche, la bellezza del paesaggio, dolce e al tempo stesso anche selvaggio, con la sua costa rocciosa dimora delle Sirene dalla voce incantevole e al tempo stesso pericolosissima, i suoi prodotti tipici, gli agrumi, le noci, l’olio, i pomodori, che esaltano una gastronomia che è l’emblema della dieta mediterranea. Ma è innegabile che a immortalare la bellezza di Sorrento nell’immaginario collettivo sia stato determinante il contributo di registi e attori che hanno scelto la cittadina campana come location per i loro film, più o meno recenti, più o meno conosciuti, a volte vere e proprie pietre miliari nella storia del cinema. E’ il caso del celeberrimo Pane, amore e … di Dino Risi, con Vittorio de Sica e Sophia Loren, che girano alcune delle scene più famose del film a Marina Grande, la principale spiaggia sorrentina, situata nell’antico borgo dei pescatori.
Tra i tanti film italiani una menzione speciale va sicuramente al Decameron di Pierpaolo Pasolini, girato nel 1970 in varie località italiane e campane, tra cui Napoli, Ravello e la Costiera Sorrentina. Ma il fascino di Sorrento ha attirato registi e cineasti internazionali: del 2012 è la pellicola danese Love is all you need, della regista premio Oscar Susanne Bier, con Pierce Brosnan, che è ambientata in parte in Italia e in cui si vedono alcuni tra gli scorci più affascinanti di Sorrento, in particolare il Sedil Dominova, un vero e proprio gioiello medievale, l’antica loggia dove i nobili cittadini si riunivano in assemblea. Della sua esperienza da regista  nella Terra delle Sirene la Bier ha detto: ” Il Film è la celebrazione dell’amore, e Sorrento è la città più romantica al mondo”.