Agosto al Madre

L’arte contemporanea protagonista di una scena sempre più consapevole del proprio passato e fortemente proiettata verso il futuro. Un appuntamento imperdibile dell’estate napoletana.
 
Per il quinto anno consecutivo il Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina sarà aperto e visitabile gratuitamente per tutto il mese di Agosto.
L’iniziativa si pone come un servizio reso ai cittadini e ai turisti campani nell’ottica di una promozione sempre più diversificata e trasversale dell’offerta culturale della regione. I visitatori potranno infatti ammirare le collezioni permanenti e le mostre in corso e partecipare gratuitamente alle attività connesse.

L’ingresso del museo ospita l’installazione architettonica Axer/Désaxer dell’artista francese Daniel Buren. Si tratta di un’opera concepita appositamente per gli ambienti del museo con l’intento di rimodellare l’intero atrio, spostandone l’asse prospettico e creando uno spazio di mobilità percettiva e cognitiva.

Le mostre in corso rappresentano un’occasione particolarmente interessante per leggere le tendenze più contemporanee del panorama artistico internazionale.
Al piano terra, in sala Re_PUBBLICA MADRE, la mostra English for Foreigners dell’italoamericano Stephen Prina ripercorre la storia del XX secolo, della sua famiglia e del rapporto con suo padre a partire dal libro per imparare la lingua e la cultura americana utilizzato dal genitore emigrato dal Piemonte a diciassette anni.
Il secondo piano piano ospita Perla Pollina, nome nonsense della retrospettiva per il ventennale della ricerca artistica di Roberto Cuoghi, uno degli artisti più famosi e controversi della sua generazione. Pittore, scultore, performer, storyteller dalla poetica complessa e misteriosa, che si basa sull’uso di materiali e tecniche non convenzionali.
Al terzo piano, Siamo Arrivati, di Wade Guyton, che indaga l’impatto della produzione e della circolazione delle immagini digitali attraverso la realizzazione di stampe realizzate su diversi materiali con strumenti pensati per immagini analogiche. Gli errori, le sovrapposizioni e le discrepanze impreviste della stampa danno il senso del difficile rapporto tra linguaggi e sensibilità diversi.