La Metro dell’Arte

metro-09-sotto-gli-sguardi-di-pietra-a3ec16ac-fb26-4afb-935d-7f60df38024b20 km di strada ferrata, oltre 200 opere di arte contemporanea. Un museo obbligatorio, distribuito sull’intera area urbana, il cui destinatario è il semplice viaggiatore.

 
Sotto il coordinamento artistico di Achille Bonito Oliva, la linea 1 e la linea 6 della metropolitana di Napoli diventano le Stazioni dell’Arte, un grande progetto metropolitano di riqualificazione che trasforma la metropolitana da ambiente di transito a vera e propria destinazione.
Tra le stazioni più interessanti vanno annoverate la fermata Università, progettata dall’architetto e designer egiziano Karim Rashid, in cui dominano i colori vivaci e i motivi quasi psichedelici, illuminati da un reticolo di luci che esaltano le forme morbide e sensuali; la stazione Toledo, insignita nel 2012 della palma di stazione più bella tra tutte le metropolitane europee, progettata dall’architetto Oscar Tousquezts Blanca, con il celebre ovale sfondato che attraversa tutti i livelli dell’architettura, lasciando intravedere la luce del sole 40 metri più su; la stazione Museo, nella piazza antistante al Museo Archeologico Nazionale, progettata da Gae Aulenti e impreziosita dagli scatti di artisti del calibro di Mimmo Jodice. La fermata Museo ospita anche lo spazio espositivo Stazione Neapolis, con i reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione della metropolitana.