I Vini Campani tra passato presente e futuro

VinoLa vendemmia 2015 promette un’annata particolarmente ricca, e rappresenta l’occasione per riscoprire i vini nazionali e regionali.
 
Il mese di Settembre porta con sé l’immagine dell’Estate che lascia il posto all’Autunno e ai nuovi profumi che caratterizzano la stagione, primo fra tutti quello dell’uva matura. Questo è il momento in cui si tirano le somme della stagione da parte dei produttori, e quest’anno le previsioni sembrano particolarmente felici per tutte le regioni italiane, in particolare per la Campania.
Nel voler celebrare la tradizione dei grandi vini campani, è d’obbligo ricordare che in questa regione la cultura enologica ha radici antichissime, che risalgono alla colonizzazione greca (non a caso uno dei più famosi vini campani, l’Aglianico, sembrerebbe derivare il suo nome dalla parola Ellenico). L’epoca romana ha poi segnato il momento di massimo splendore per l’arte della viticoltura regionale, con vini conosciuti e apprezzati in tutto l’Impero, primo fra tutti il celeberrimo Falerno.
Nel corso dei secoli la storia dell’enologia campana, pur tra alti e bassi, ha continuato a produrre vini come il Fiano, l’Asprinio, il Greco, la Lagrima, la Falanghina, il Taurasi.
Ciò che caratterizza la produzione vinicola della Campania, particolarmente ricca di zone DOC e DOCG, è l’utilizzo quasi esclusivo di uve autoctone, che conferiscono ai calici della regione una forte personalità. La provincia di Avellino, l’Irpinia, regala alcuni tra i vini più noti, l’Aglianico e il Taurasi, il Greco di Tufo e il Fiano di Avellino, mentre la zona Vesuviana regala il rinomato Lacryma Christi. Anche le isole e la provincia di Caserta hanno una produzione assolutamente originale e apprezzabile.
La cantina del Bellevue Syrene, ricca di etichette nazionali ed estere, ama valorizzare il vino campano in tutte le sue espressioni, che diventano racconto di un territorio tanto generoso quanto variegato, nella sua storia, nelle sue tradizioni, nei suoi colori e nei suoi sapori.
Sorrento ospita dal 2 al 4 Ottobre un evento molto atteso e giunto ormai alla XXXVI edizione, la Sagra dell’Uva nel borgo di Priora, appuntamento con l’enogastronomia sorrentina e occasione per riscoprire le tecniche e gli strumenti tradizionali della vendemmia in Penisola.
 
Vai alla Cantina del Bellevue Syrene